Il nostro Lavoro

 

La comunità Emmaus di Laterina Ponticino ha iniziato la sua attività nel 1972.Fa parte del movimento Emmaus Internazionale, che raggruppa circa 400 gruppi o comunità in 42 paesi del mondo.

 

Il nostro obiettivo è servire per primo il più sofferente, per servire così la pace nella giustizia.Agire affinchè ogni persona ed ogni società possano vivere e realizzarsi nello scambio e nella condivisione.

 

Per raggiungere ciò bisogna impegnarsi concretamente nelle iniziative di aiuto urgente e a lungo termine e nella lotta contro le cause della sofferenza, della miseria e dell’ingiustizia.La nostra originalità è l’incontro e la cooperazione tra uomini privilegiati e uomini che non possedevano più una ragione per vivere. L’autofinaziamento delle nostre attività attraverso mezzi finanziari creato grazie al lavoro dei poveri invece che all’elemosina dei ricchi.
Il lavoro di recupero che permette di ridare valore ad ogni oggetto, e moltiplicare così le possibilità di azione in soccorso dei più sofferenti.
 
I principi che ci guidano sono quattro: Accoglienza, Vita Comunitaria, Servizio e Lavoro.
Nel corso di questi anni sono stati accolti più di 500 persone, per la maggior parte uomini in difficoltà nelle proprie relazioni sociali, familiari e professionali; uomini alla ricerca di un tetto, di sicurezza, di amicizia e soprattutto di ragioni per vivere.La vita comunitaria è una risposta a questi bisogni ma è anche una scelta di vita: significa affermare che nella società esistono luoghi dove è possibile instaurare altre relazioni umane che non siano fondate sulla forza e sulla violenza, luoghi in cui si trova una felicità diversa: la felicità di essere al servizio degli altri.

 

E nel corso degli anni la comunità si è impegnata attivamente in molti progetti di solidarietà e di aiuto, sia a livello locale che a livello nazionale ed internazionale, esclusimante attraverso il proprio lavoro, un lavoro che deve essere alla portata di tutti, forti e deboli, e che fa appello alle competenze di ciascuno: la raccolta e la selezione di materiali ed oggetti donati da privati, la riparazione e la vendita degli stessi.

 

Un lavoro umile e duro, ma che dona a ciascuno la fierezza di guadagnarsi il proprio pane senza essere considerato un assistito: un lavoro su cui si fonda la nostra comunità e che ne costituisce la principale fonte di sostentamento.